Appendino non ha mai dialogato con i cittadini

In questi anni da sindaco Chiara Appendino si è sempre rifiutata di incontrare chi metteva in discussione le sue scelte: dai rappresentanti delle circoscrizioni per i tagli di bilancio, ai comitati di quartiere per il degrado pubblico e l’aumento delle tasse. Sotto la sua amministrazione, rispetto alla Tav, il Comune di Torino è prima uscito dall’Osservatorio sull’Alta Velocità per poi approvare una mozione contraria alla Torino Lione, alimentando peraltro un clima di scontro e di contrapposizione con le categorie produttive e sindacali. La priorità di Chiara Appendino è stata quella di anteporre il bene comune della città alle richieste dell’elettorato del M5S. Ma ha fallito anche in questo. Oggi, scaricata dal governo e dai cittadini, paga la sua arroganza e la sua incapacità: le cui colpe stanno però ricadendo sulla comunità. Dia una chance a Torino e si dimetta.

Tav: con stop danni per ambiente

La Tav va completata perché è un’opera fondamentale per l’Italia. Non perché ce lo dice la Francia o per paura di pagare le penali. Questa infrastruttura, che rappresenta da sola il 2% di Pil del Piemonte, avrà notevoli ricadute per l’economia, l’occupazione e soprattutto per l’ambiente. É stato infatti stimato che l’impatto sulla qualità dell’aria sarà impressionante dal momento che la nuova opera eliminerà dalle strade circa 1,3 milioni di Tir l’anno. Rinunciare alla Tav sarebbe un atto irresponsabile ed un sopruso verso le comunità locali con cui è stata condivisa.

TAV: la ratifica del trattato vale il 2% del Pil del Piemonte

Con l’approvazione dell’accordo italo-francese potranno finalmente iniziare i lavori del nuovo tunnel ferroviario. Si tratta di un’opera strategica fondamentale per tutto il nostro paese, il cui tracciato è stato concertato con le comunità territoriali e che porterà enormi benefici in termini economici, occupazionali ed ambientali. Nel 2017 si apriranno i nuovi cantieri che vedranno occupati oltre 4000 lavoratori solo nel territorio italiano e senza considerare l’indotto. L’impatto sulla qualità dell’aria e dell’ambiente è poi impressionante dal momento che la nuova opera eliminerà dalle strade circa 1,3 milioni di Tir l’anno. Non voglio nemmeno soffermarmi troppo sulla patetica lettera con cui il sindaco di Torino, in compagnia del suo folkloristico collega di Napoli, ha chiesto ai deputati di bloccare la ratifica dell’accordo. I cittadini ormai stanno iniziando a capire che i M5S, continuando a proporre una palese ignoranza istituzionale fatta di proposte assurde e populiste, sono di fatto incompatibili con una cultura di governo seria e responsabile. Soprattutto quando sono in gioco per Torino ed il Piemonte, milioni di euro per le opere di compensazione ed il 2 per cento del Pil regionale.

Carlotta Tevere si dimetta dal Consiglio comunale

Invece di prendere le distanze dalle frasi irresponsabili di Carlotta Tevere, i consiglieri del M5S del Comune di Torino danno piena e totale copertura politica ai delinquenti No Tav già condannati. Dare, come istituzioni, la propria solidarietà ai teppisti è un atto gravissimo che mette a rischio la stessa incolumità degli operai dei cantieri e delle forze dell’ordine chiamate ad assicurare la sicurezza del territorio. Chiediamo pubblicamente le dimissioni di Carlotta Tevere da Presidente della Commissione Legalità e dal Consiglio comunale. Non possiamo dimenticare però che anche Chiara Appendino, prima di prendere posizione a sostegno delle Forze dell’ordine dopo l’ennesimo assalto dei No Tav, aveva solidarizzato con i teppisti. Il comportamento del sindaco è quindi sempre macchiato, come abbiamo sottolineato spesso, da una grave ambiguità di fondo. Qualora Carlotta Tevere non si dimettesse spontaneamente, sarà compito del primo cittadino convincere la propria maggioranza a sfiduciarla. E’ inammissibile che il Comune di Torino possa essere considerato corresponsabile di ulteriori atti di violenza contro i beni pubblici o cittadini nello svolgimento del loro dovere.

L’ideologia dei sindaci M5S per nascondere l’incapacità di governare

“Le scelte ideologiche che penalizzano i cittadini accomunano i sindaci di Roma e di Torino: per dare un messaggio agli irriducibili e nascondere i disastri e l’immobilismo di questi primi mesi di amministrazione Virginia Raggi dice di no alle Olimpiadi e Chiara Appendino continua a manifestare la sua contrarietà alla Tav”: è quanto dichiara Silvia Fregolent, vicepresidente dei Deputati Pd.

“Ma se la Capitale dovrà rinunciare ad una candidatura ben più grave è la situazione di Torino. La Giunta Appendino uscendo dall’Osservatorio sulla Torino – Lione non potrà più beneficiare dei progetti e delle risorse per le opere di compensazione di una opera che, come ha ribadito l’Unione Europea, verrà comunque portata a termine nei prossimi mesi. Mi chiedo – conclude Silvia Fregolent – se il M5S si renda conto realmente di quanto stia constando ai cittadini, soprattutto in termini economici, il suo non-governo”.

Di Maio si informi prima di parlare

La nuova tratta della Tav annunciata dal ministro dei Trasporti Graziano Delrio e’ il frutto di un duro lavoro dell’Osservatorio dei Comuni della Valle (con sindaci talvolta minacciati dai No Tav per essere seduti al tavolo dell’Osservatorio), della citta’ metropolitana, del Comune di Torino e dalla Regione Piemonte, un serio impegno finalizzato a migliorare l’iniziale progetto proposto dalla Legge Obiettivo. Continua a leggere

C’è tunnel e tunnel?

tav trenoLunedì 17 novembre alle ore 11 è caduto l’ultimo diaframma della seconda galleria del Frejus. Nata come galleria di sicurezza dopo il drammatico incidente mortale, nel tempo e’ diventata una vera e propria galleria di transito: di fatto si deve parlare di raddoppio della galleria. Nel 2012 Monti siglò un accordo con la Francia e nonostante le numerose richieste (soprattutto della Provincia di Torino allora guidata dal Presidente Saitta), di contingentare gli autoveicoli e tir non c’è stata nessuna risposta formale.

Continua a leggere

Fregolent: “Il destino di Plano lo dobbiamo decidere a Torino”

giornaliIntervista per Repubblica 29/07/2014 di Sara Strippoli

LA PARLAMENTARE PD CONTRARIA A COINVOLGERE RENZI COME CHIESTO DALLA NEIROTTI DOPO L’ESPOSTO DI ESPOSITO

«La posizione del Pd sulla Torino- Lione è chiarissima, penso che la responsabilità della scelta debba essere della commissione provinciale presieduta da Amalia Neirotti e non credo che per scegliere cosa ne sarà di Sandro Plano si debba tirare in Matteo Renzi».

Continua a leggere

TAV: metodi lotta che incrinano base democratica nostro paese

COMUNICATO STAMPA

“Questa notte nuovi scontri in Val di Susa ai cantieri Tav, con petardi e fuochi d’artificio, un gruppo di manifestanti ha incendiato alcuni pneumatici nella gallerie di Giaglione e le forze di polizia hanno dovuto chiudere l’autostrada del Frejus-Bardonecchia, un poliziotto è rimasto ferito lievemente: tutti questi, lo ribadiamo con forza, sono atti di intimidazione che vanno decisamente al di là di azioni di dissenso e di protesta legittime.

Continua a leggere

“Milleproroghe: niente fondo aziende colpite, a rischio la Tav”

COMUNICATO STAMPA

“Si tratta di una scelta gravissima, che potrebbe avere ripercussioni sulla realizzazione stessa della Torino – Lione”: con queste parole Silvia Fregolent e Stefano Esposito, rispettivamente deputato e senatore Pd, commentano l’esclusione dal “Milleproroghe” del fondo per risarcire le aziende danneggiate dai “No – Tav”, più volte annunciato dal governo e mai istituito. Continua a leggere

L.Stabilita’: Fregolent (Pd), grave tagli a Tav

COMUNICATO STAMPA

(ANSA) – ROMA, 20 NOV – ”Se quanto emerge dalle agenzie di stampa fosse vero, si tratterebbe di un fatto di una gravita’assoluta”. Cosi’ Silvia Fregolent, responsabile economia dei deputati Pd ed esponente Ecodem, commenta le indiscrezioni secondo le quali il governo ha presentato alla Legge di Stabilita’ un emendamento per sottrarre alla Tav 100 milioni di euro per destinarli ad Anas. Continua a leggere

TAV. Fregolent (PD): benefici per economia, lavoro e ambiente Si velocizza finalmente l’iter per la realizzazione.

COMUNICATO STAMPA

“Un passo avanti fondamentale per la Tav: si velocizza finalmente l’iter per la realizzazione di un’opera infrastrutturale fondamentale per lo sviluppo economico ed occupazionale del paese“. Cosi’ Silvia Fregolent, responsabile economica dei deputati Pd, commenta la ratifica dell’accordo fra Italia e Francia sulla realizzazione della Torino – Lione approvata a Montecitorio. Continua a leggere

Approvata ratifica accordo con Francia per nuova linea ferroviaria Torino-Lione

tav trenoE’ stato approvato alla Camera il disegno di legge di ratifica ed esecuzione dell’accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese per la realizzazione e l’esercizio della nuova linea ferroviaria Torino-Lione, redatto a Roma il 30 gennaio 2012. Di seguito il testo del mio intervento (per il video cliccare qui):
Continua a leggere

Accolto dal Governo l’ ordine del giorno presentato dall’ On. Fregolent

L’ ordine del giorno presentato dall’ On. Fregolent riguardante il risarcimento alle imprese della Val di Susa che operano alla realizzazione dell’ alta velocità e che hanno subito danni per mano dei NoTav, è stato accolto dal Governo:

Fregolent: una voce dal Parlamento a fianco degli imprenditori della Val Susa danneggiati dai NoTav

No Tav imprenditori valsusiniL’intervento odierno alla Camera dei Deputati di Silvia Fregolent a fianco delle aziende della Val di Susa che hanno subito danni dai NoTav:

“Signor Presidente, questo ordine del giorno richiama l’articolo e l’emendamento che è stato poi votato oggi, soppressivo di un pezzo dell’8.2, che era stato approvato in una prima battuta.
Riguarda i danni e il risarcimento dei danni alle imprese che lavorano nell’opera della Val di Susa, il TAV. Questo ordine del giorno è molto importante perché sottolinea un’esigenza, quella di tutelare gli imprenditori che stanno lavorando dai continui attacchi. Sono ormai quotidiane le azioni di vandalismo nei confronti dei macchinari. Addirittura, nella tarda primavera di quest’anno ci sono state anche azioni violente nei confronti dei lavoratori. Pertanto, dobbiamo tutelare chi in questo Paese vuole poter lavorare. Continua a leggere

Tav: Fregolent (Pd), Stato deve tutelare imprese Val Susa

tav trenoCOMUNICATO STAMPA

“Lo Stato deve tutelare i lavoratori e le imprese, soprattutto se sono impegnati nell’edificazione di opere pubbliche. La scelta di respingere la norma al Dl sul ‘Femminicidio’ che risarciva i danni colposi alle aziende impegnate nella realizzazione della Tav, e’ sbagliata”. Lo afferma Silvia Fregolent, esponente Ecodem e responsabile economico dei deputati Pd sull’emendamento bocciato oggi dalla Commissione Bilancio di Montecitorio. Continua a leggere

Il PD Piemonte ha incontrato gli imprenditori valsusini

COMUNICATO STAMPA

Questa mattina il Partito Democratico del Piemonte ha incontrato a Susa un gruppo di
imprenditori valsusini dei diversi comparti economici (alberghiero, edile, turistico).
Erano presenti il Segretario regionale PD Gianfranco Morgando, i Parlamentari Sen. Stefano Esposito, Sen. Magda Zanoni, On. Francesca Bonomo, On. Paola Bragantini, On. Silvia Fregolent, il Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta, l’Assessore provinciale Carlo Chiama ed il Consigliere provinciale Antonio Ferrentino. Continua a leggere

Il PD a fianco degli imprenditori valsusini

No Tav imprenditori valsusiniCOMUNICATO STAMPA

Il Partito Democratico del Piemonte esprime solidarietà all’imprenditore Giuseppe Benente, la cui azienda è stata vittima di un vile attentato, e la propria vicinanza a tutti gli imprenditori valsusini che sono diventati bersaglio di intimidazioni, minacce e violenze da parte di quei gruppi No Tav che hanno scelto la strada della lotta illegalità.  Continua a leggere

Un ulteriore contributo al tema TAV

Segnalo un ulteriore contributo al tema TAV che ritengo utile per approfondimenti (clicca qui)

Mozione TAV

E’ possibile visualizzare la mozione TAV del Partito Democratico presentata alla Camera dei Deputati il 4 giugno 2013 cliccando qui