Caso Pasquaretta: Salvini verifichi se Appendino possa ancora amministrare la città

Chiara Appendino ha perso ogni contatto con la cittadinanza e non è più in grado di assicurare una pur minima gestione politica ed amministrativa di Torino. La vicenda Pasquaretta, che ha già convolto alcuni suoi assessori, il suo capogruppo, il suo ex capo di gabinetto, la sua referente nel governo la sottosegretaria Laura Castelli (che è addirittura scappata per non incontrare i giornalisti), ha ormai raggiunto una dimensione nazionale ed ha fatto emergere una fitta trama, tutta interna al M5S, di accordi segreti, giochi di potere e spartizioni di incarichi pubblici. Le indagini della Magistratura gettano ombre e dubbi su un sindaco che ha fatto dell’onestà e della trasparenza il suo unico baluardo e che ora, visti anche gli ultimi gravissimi scontri ed episodi di ordine pubblico, sembra chiuso in se stesso, inerme ed incapace di guidare la città e garantire alla popolazione sicurezza e servizi. Per questi motivi abbiamo presentato una interrogazione parlamentare al Ministro dell’Interno affinchè, anche attraverso il Prefetto, verifichi in tempi brevissimi se sussistano ancora i presupposti, previsti dal nostro ordinamento, in base ai quali l’attuale governo comunale possa e sia in grado di continuare ad amministrare Torino