Inchiesta “Mole Gate” si ripercuoterà su Appendino e M5S

Le gravissime accuse a Luca Pasquaretta stanno facendo luce su un sistema di raccomandazioni e gestione ‘facile’ del potere e dei soldi pubblici che si sta allargando a dismisura. In pochi giorni i magistrati hanno già ascoltato Chiara Appendino, il suo ex capo di Gabinetto, il suo assessore al Bilancio, la sua capogruppo in Comune mentre sono già in programma altri interessanti interrogatori. Appare quindi poco plausibile che anche questa vicenda abbia solo un responsabile: scelto peraltro dalla sindaca in piena autonomia e che per anni è stato il suo fidato ed insostituibile braccio destro. Emerge ancora una volta, come nei casi precedenti degli assessori cacciati Stefania Giannuzzi e Federica Patti ma anche per il capo di Gabinetto Paolo Giordana, il cinismo di un sindaco che non esita mai a scaricare le proprie responsabilità sui suoi stretti collaboratori. Quello che si sta evidentemente tratteggiando a Palazzo Civico è un vero e proprio ‘Mole-Gate’, le cui palesi implicazioni politiche si ripercuoteranno questa volta anche su Chiara Appendino e sul M5S non solo a Torino ma in tutta Italia