Lettera aperta a Chiara Appendino

Cara sindaca Chiara Appendino,

nessuno del Partito Democratico ha mai pensato che non ci debba essere collaborazione istituzionale fra Regione Piemonte e Comune di Torino a causa della differenza politica fra le due amministrazioni. Questa idea appartiene da sempre al movimento/partito di Grillo che in questi anni ha sempre votato contro tutti i provvedimenti che avrebbero portato risorse economiche al Piemonte e alla città, preferendo sempre il populismo dell’ideologia politica al reale benessere della popolazione (come ad esempio i finanziamenti per la Tav, la Città della Salute, la Metro 2, il collegamento Torino – Orbassano).

Sappiano benissimo che se la Regione Piemonte non fosse intervenuta con stanziamenti propri (che ammontano a 1 milione 120 mila euro) e con le capacità politiche ed amministrative del Presidente Sergio Chiamparino e dell’assessore alla cultura Antonella Parigi, avremmo perso a favore di Milano anche il Salone del Libro come avvenuto purtroppo per la Mostra di Manet. Le posso garantire, cara sindaca, che tutto il Partito Democratico, dal Ministro Dario Franceschini agli iscritti di Torino, si è adoperato perché questo non accadesse, ed esclusivamente per il bene della città.

Il mio personale dolore e la mia grande preoccupazione, come di molti che vogliono bene alla nostra città, è di veder vanificato il duro lavoro che in 23 anni ha visto radicalmente trasformare Torino.

 

Cordialità

 

Silvia Fregolent

 

P.S. Colgo anche l’occasione per tranquillizzare il Presidente Sergio Chiamparino. Non è l’unico governatore del Pd che deve confrontarsi quotidianamente con giunte “grilline”. Mi rammarica solo vedere che ogni volta che un semplice militante cerca di dare un consiglio venga tacciato subito come autoreferenziale. Ma non eri proprio tu, caro Sergio, a suggerire al segretario del Pd Matteo Renzi di ascoltare maggiormente proposte e indicazioni? Spero che questo valga anche per la tua azione politica che noi del Pd continueremo a sostenere. Nessuno vuole indebolire la tua azione di governo. Vogliamo anzi esserti di supporto per aiutarti a cambiare le cose che non vanno e che i singoli cittadini ci segnalano.

Mi permetto di ricordarti anche che non sono le polemiche a far aumentare i rifiuti a Roma, ma l’ideologia della sindaca Raggi che ha purtroppo precluso fino ad oggi qualsiasi soluzione efficace.

Sarebbe ingeneroso non riconoscere la straordinaria opera del Governatore Zingaretti che sta cercando di risolvere un’emergenza senza pari e nel contempo di tranquillizzare gli altri comuni del Lazio stanchi di accogliere rifiuti altrui.

E’ per questo che in tanti, molti dei quali simpatizzanti o iscritti al Pd, hanno voluto mandare un messaggio chiaro donando il proprio tempo libero per ripulire la città.