Salone del Libro: fallimento di enti locali ed editori

“Un fallimento degli enti locali e degli editori, nonostante l’intelligente mediazione del Ministro Franceschini”: con queste parole Silvia Fregolent, vice presidente dei deputati Pd, commenta il fallimento del ‘MiTo’ del libro.

“A causa delle reciproche rigidità e degli opposti diktat il nostro paese perde un evento straordinario per visibilità e prestigio favorendo quindi i grandi festival internazionali del libro, a partire da Francoforte. Ancora una volta l’Italia non riesce a fare squadra a vantaggio di campanilismi miopi e controproducenti”.

“E’ ridicola la posizione del sindaco di Torino – continua Silvia Fregolent – che annuncia sui social un salone del libro ‘più straordinario di sempre’. Dove? Negli spazi immensi del Lingotto, che rischiano di essere troppo grandi per un festival minore? Con chi? Senza la gran parte degli editori nazionali e quindi dei veri protagonisti di questo tipo di eventi? E soprattutto per chi? Per gli italiani che leggono sempre meno e che senza manifestazioni di primo piano preferiranno optare per Milano o addirittura disertare i ‘saloncini’ minori?”.

“Possiamo solo confidare – conclude il deputato Pd – che l’incapacità ed il provincialismo della Giunta Appendino venga bilanciato dall’esperienza e dalla professionalità di Massimo Bray. Ci auguriamo che il presidente della Fondazione per il Libro possa individuare quelle soluzioni innovative che la politica locale non ha saputo proporre”.