Tav: Fregolent (Pd), Stato deve tutelare imprese Val Susa

tav trenoCOMUNICATO STAMPA

“Lo Stato deve tutelare i lavoratori e le imprese, soprattutto se sono impegnati nell’edificazione di opere pubbliche. La scelta di respingere la norma al Dl sul ‘Femminicidio’ che risarciva i danni colposi alle aziende impegnate nella realizzazione della Tav, e’ sbagliata”. Lo afferma Silvia Fregolent, esponente Ecodem e responsabile economico dei deputati Pd sull’emendamento bocciato oggi dalla Commissione Bilancio di Montecitorio.

Un errore, secondo Fregolent, “soprattutto in relazione al clima di violenza che incombe da mesi sulla Val di Susa ed al gravissimo episodio di ieri dove un pacco bomba avrebbe potuto uccidere il giornalista de La Stampa Massimo Numa“. “Sicuramente – osserva – sono necessari provvedimenti organici, da parte del governo, per contrastare con efficacia questa situazione, ma il carattere d’urgenza era giustificato proprio dalla drammatica escalation degli episodi di sabotaggio e dalle intimazioni che hanno colpito il cantiere di Chiomonte e chi si e’ schierato a difesa della legalita’”. “Saranno sicuramente soddisfatti coloro, e mi riferisco anche ad alcune forze politiche presenti in Parlamento e non, che hanno giustificato fino ad oggi gli episodi di violenza. Mi auguro – conclude Fregolent – che il governo possa reintrodurre, in tempi brevissimi, la norma sui danneggiamenti alle imprese per ribadire la presenza concreta dello Stato e contrastare con efficacia ogni atto di terrorismo”.

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] in Val Susa continuano le minacce e gli atti eversivi; Silvia Fregolent ribadisce la necessità che lo Stato debba salvaguardare aziende e lavoratori: il governo […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *